Il sito www.farmaciacorsetti.it utilizza cookies, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti al loro uso.
Per info e disabilitazione leggere l'informativa Policy sui cookie.

Approfondimento

NON FARTI INFLUENZARE: PREVIENI CON IL VACCINO

vaccino

Complici le false notizie che circolano in rete, sempre meno italiani aderiscono alla campagna di vaccinazione contro l'influenza. Si stima, addirittura, che tra gli anziani la percentuale sia scesa al di sotto del 50%. Un dato certo e inconfutabile è che la vaccinazione rimane l'unica e vera arma per prevenire e combattere l'influenza, in grado, anche, di attenuare le eventuali complicanze che ne derivano, qualora il virus dovesse essere contratto. In aggiunta, la stagione influenzale 2016 è prevista tra le più aggressive degli ultimi anni, sia in termini di numero di infezioni che di intensità.
Ma quanto ne sappiamo realmente sull'influenza?
L'influenza è una malattia provocata da virus (genere Orthomyxovirus) che infettano le vie aeree (naso, gola, polmoni), molto contagiosa poiché è in grado di trasmettersi facilmente attraverso goccioline di saliva e secrezioni respiratorie provenienti da starnuti e tosse o presenti su superfici, anche semplicemente parlando vicino a un'altra persona.
In alcune situazioni è possibile che la malattia abbia un decorso asintomatico; nella maggioranza dei casi, invece, l'influenza è caratterizzata da raffreddore, febbre, mal di testa, dolori osteo-articolari, infiammazione della gola, bronchite. Negli anziani l'influenza si presenta con debolezza e stato confusionale, nei bambini si osservano più frequentemente vomito e diarrea.

Come proteggerci?

Sul sito del Ministero della Salute, si trovano le misure di protezione personali (non-farmacologiche) utili per ridurre la trasmissione del virus dell'influenza che consistono in:
1 Lavaggio delle mani (in assenza di acqua, uso di gel alcolici) - Fortemente raccomandato
2 Buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti e lavarsi le mani) Raccomandato
3 Isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale Raccomandato
4 Uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologia influenzale, quando si trovano in ambienti sanitari (ospedali) - Raccomandato.

Queste semplici regole, possono, però, non essere sufficienti per prevenire l'influenza. Ecco che diventa fondamentale una corretta informazione sulla campagna di vaccinazione antinfluenzale.

A chi è destinato il vaccino antinfluenzale?

Il vaccino antinfluenzale è destinato a tutti quelli che desiderano evitare la malattia influenzale e che non abbiano specifiche controindicazioni. Per quelli che corrono un maggior rischio di andare incontro a complicanze nel caso in cui contraggano l'influenza (over 65, bambini e adulti affetti da patologie a carico dell'apparato respiratorio, insufficienza renale, diabete mellito, ecc ecc), il vaccino è fortemente consigliato e viene offerto gratuitamente.
La vaccinazione è consigliata a partire dalla metà di ottobre fino a fine dicembre. Il vaccino è somministrato con una semplice iniezione intramuscolo, nella parte superiore del braccio (muscolo deltoide) negli adulti e nel muscolo antero-laterale della coscia nei bambini.
E' lo stesso Ministero della Salute a specificare che il vaccino antinfluenzale non deve essere somministrato ai lattanti al di sotto dei sei mesi ed a quei soggetti che abbiano manifestato reazioni di tipo anafilattico ad una precedente vaccinazione o ad uno dei componenti del vaccino. Una malattia, con presenza di febbre o meno, costituisce una controindicazione temporanea alla vaccinazione che dovrà, pertanto, essere rimandata a guarigione avvenuta.
In alcuni tipi di vaccini sono presenti delle sostanze dette adiuvanti. La loro funzione è di potenziare l'efficacia della risposta immunitaria alla vaccinazione. I vaccini stagionali adiuvati con MF59, così come riportato dallo stesso Ministero della Salute, sono autorizzati, al momento, per l'immunizzazione dei soggetti di età superiore a 64 anni.

Quello che occorre sottolineare è che i vaccini autorizzati per l'uomo sono prodotti biologici sicuri. Per questo motivo, non facciamoci influenzare e vacciniamoci per proteggere noi e gli altri.

Aiutaci a crescere, lascia un commento su questa pagina

Info

Se vuoi Richiedere Chiarimenti
Consigli Informazioni ed altro...

Compila il modulo